Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La tecnologia a servizio della disabilità: è questa l’esperienza condotta dagli esperti del Politecnico di Bari al Fablab di Bitonto, con il laboratorio di modellazione solida dei beni monumentali, finanziato dal Progetto Cross the Gap nell'ambito del Programma Interreg V-A Grecia-Italia.

Il laboratorio, articolato in modalità webinar della durata di due settimane, dà la possibilità ad architetti ed ingegneri, di realizzare un modello virtuale del centro storico di Bitonto per poi consentire la stampa con tecnologia 3D di un plastico del modello.  Grazie all'applicazione di una sostanza cromatica tattile e all'applicazione dei sensori touch, si potranno attivare contenuti audio/video che consentiranno la fruizione ad un pubblico non vedente o ipovedente.

 Il laboratorio è stato suddiviso in 3 moduli tematici:

1. Modellazione solida

2. Stampa 3D

3. Applicazione Tattile

Ad ogni partecipante è stato assegnato un bene storico della città di Bitonto, la Cattedrale o la Porta Baresana, e attraverso un software gratuito online (TinkerCAD di Autodesk), che consente di modellare oggetti tridimensionali con un’interfaccia semplice ed intuitiva, lo staff del Fablab Poliba affianca i partecipanti in tempo reale nel processo di modellazione nella classe virtuale, con il supporto di un esperto in beni monumentali e delle caratteristiche storico - architettoniche del centro antico di Bitonto.

Al termine del percorso, il prototipo del centro storico consentirà a tutti una maggiore fruizione dei beni artistici con particolare attenzione al coinvolgimento di pubblico non vedente o ipovedente.