Main content

Alert message

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il 10 settembre alle 15.00, nella sede del Ciheam Bari, 10 start-up beneficiarie del percorso di incubazione del progetto Interreg Incuba presenteranno i loro modelli di business, a seguito del percorso di formazione e accompagnamento personalizzato, iniziato lo scorso dicembre 2019. I 10 team di giovani imprenditrici e imprenditori operanti nel settore agroalimentare o in settori ad esso strettamente collegati, sono, per la maggior parte, già vincitori di PIN, la misura delle Politiche Giovanili della Regione Puglia a sostegno dell’imprenditoria gestita

dall’ARTI, partner del progetto INCUBA. La sinergia con l’ARTI è stata fortemente voluta dal Ciheam Bari per massimizzare le capacità di giovani imprenditori pugliesi, già in grado di esprimere una spiccata potenzialità a scalare il proprio modello di business.

Il percorso di accompagnamento realizzato dal Ciheam Bari, e gestito dal team di progetto INCUBA all’interno del MEDAB (incubatore di impresa già presente in Istituto), è stato articolato in quattro momenti principali: la selezione, basata principalmente su aspettative e bisogni;

la personalizzazione della formazione in aula, per un totale di 56 ore erogate; un periodo di un mese di mentoring personalizzato one-to-one; un mese e mezzo di Worklab, format teorico-pratico gestito da LVenture, acceleratore di impresa di LuissEnlab, che ha applicato metodologie ed approcci di validazione di mercato e “go to market”.

Nella giornata del 10 settembre p.v., una Commissione Valutatrice, composta dal team di coordinamento del progetto INCUBA e rappresentanti di LegaCoop, Puglia Sviluppo, NaturaSi e LVenture, selezionerà, tra i dieci team partecipanti, le tre migliori start-up a cui sarà aggiudicato un grant, in servizi, di 5000 euro per team.

La Commissione di Valutazione stimerà l’evoluzione del Business Model Canvas, rispetto al momento di avvio del percorso, la strategia e la brand identity, l’organizzazione del team, rispetto a competenze e time management, i progressi nella validazione del prodotto/servizio sul mercato, il go-to-market e l’ulteriore obiettivo che potrebbero realizzare potendo disporre del grant di 5000 euro.

Con un finanziamento di 900.000 Euro nell’ambito del Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020, INCUBA si è proposto di rafforzare gli incubatori di imprese agroalimentari e sostenere la creazione, la competitività e l’internazionalizzazione delle startup e delle piccole e medie imprese in Puglia e in Grecia. Al progetto, inoltre, hanno partecipato la Regione della Grecia Occidentale, coordinatore, la Camera di Ilia, la Camera di Commercio di Bari e l’ARTI – Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione della Puglia. Partner associati sono la Camera di Commercio di Acaia e la Regione Puglia - Dipartimento di Agricoltura, Sviluppo rurale e Protezione ambientale.