Main content

Alert message

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una web academy online gratuita sulle tematiche più importanti dell’economia circolare e dei relativi modelli di business: 20 webinar tenuti da ricercatori, professionisti e imprenditori. Disponibili dal 21 ottobre al 21 novembre 2020 su http://platform.circle-in.eu/it/. È la nuova iniziativa del progetto Circle-In - “Promoting CIRCuLar Economy INvestments and policies in the cross-border area of Greece-Italy”, finanziato dal Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020.

Si tratta di un progetto finalizzato a promuovere lo sviluppo imprenditoriale a ridotto impatto ambientale e con obiettivi di crescita economica e benessere attraverso l’uso più efficace ed efficiente delle risorse e il recupero dei rifiuti, portato avanti in Puglia dal Laboratorio di Ingegneria economico-gestionale del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento e dalla Camera di Commercio di Foggia e, in Grecia, dalle Camere di Commercio di Ioannina e Lefkada.

Circle-In si prefigge di fornire strumenti pratici e operativi per l’identificazione e lo sviluppo in chiave imprenditoriale di buone pratiche in tema di riuso, riduzione dell’inquinamento, rigenerazione; grazie a questo progetto, gli imprenditori e le imprese locali nell’area Grecia-Italia potranno essere informati e formati sulle opportunità dell’economia circolare, le sue applicazioni e i suoi benefici.

«La “Circle-In web academy”, dunque, sarà disponibile online dal 21 ottobre al 21 novembre 2020, sarà fruibile interamente online, è gratuita e prevede il rilascio di un attestato di frequenza. I webinar sono organizzati attorno a tre aree tematiche:

il framework politico-istituzionale, i modelli di business per l’economia circolare, le tecnologie digitali e le tecnologie abilitanti l’imprenditorialità circolare. Tali aree sono state identificate attraverso l’analisi del fabbisogno formativo delle imprese realizzato nell’ambito del progetto, con un benchmarking condotto sulle principali iniziative di alta formazione europee e nazionali in tema di imprenditorialità ed economia circolare» ci evidenzia la prof.ssa Giuseppina Passiante, coordinatore scientifico del Laboratorio di Ingegneria Economico Gestionale di UniSalento. Online 20 seminari di carattere teorico e pratico tenuti da ricercatori e docenti esperti e arricchite dalle testimonianze video di imprenditori. Per “frequentare” la web academy occorre registrarsi sulla piattaforma di web learning del Laboratorio, accessibile su http://platform.circle-in.eu/it/

Materiali didattici e letture di approfondimento sono stati realizzati con la collaborazione di docenti e ricercatori del Laboratorio ma anche di altre prestigiose realtà universitarie nazionali come il Politecnico di Milano, l’Università “La Sapienza” di Roma, l’Università di Napoli “Parthenope”, l’Università LIUC. A queste si aggiungo le importanti testimonianze di un team di ricercatrici di ENEA, e di professionisti ed esperti nei vari domini tematici dell’academy. Particolarmente significative, inoltre, le testimonianze delle imprese pugliesi impegnate in percorsi di innovazione circolare e già identificate nel progetto. L’economia circolare è una delle priorità della Commissione Europea in quanto rappresenta un’opportunità significativa per la crescita sostenibile delle economie e dei territori, con importanti ricadute in termini di competitività e innovazione del tessuto produttivo, di benefici sociali per le comunità locali e di maggiore occupazione. Promuovere iniziative imprenditoriali in coerenza con i principi dell’economia circolare (riuso, riciclo, riduzione, re-manufacturing e simili) richiede lo sviluppo di competenze nel capitale umano delle imprese e delle istituzioni e la predisposizione di risorse economiche e finanziarie adeguate.