Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Lunedì 6 luglio, ore 13.30, giorno dell'apertura dell'edizione 2020 del Forum PA, l’Agenzia per la Coesione Territoriale organizza un seminario su “30 anni di Interreg: come la cooperazione territoriale europea fa crescere l’Italia”. Un momento di confronto per mostrare con esempi concreti quanto può essere realizzato con le risorse dei programmi Interreg per sostenere la crescita e lo sviluppo a livello locale in linea con la direzione europea.

Registrazione seminario QUI!

Per l’Italia, Interreg vuole dire 19 programmi operativi, di cui 10 ad Autorità di Gestione Italiana con 1059 progetti approvati di cui 857 con partner italiani per un totale di 2271 soggetti coinvolti. Si tratta di risorse finanziarie, reti e risultati che hanno contributo a far crescere l’Italia e a rafforzare la dimensione europea e di consolidamento della collaborazione tra territori nella gestione dello sviluppo del Paese.

Tre sono i temi che, a livello europeo, la Commissione ha identificato per festeggiare i 30 anni di Interreg: Tutti abbiamo un vicinoPer una Europa più verde e neutrale rispetto alle emissioniGioventù. È il momento, pertanto, di guardare indietro e celebrare ciò che è stato fatto fissando obiettivi più ambiziosi per il futuro.

La cooperazione territoriale europea incoraggia le regioni e gli stati ad affrontare sfide che possono essere risolte solo lavorando costantemente l'una con l'altra; serve da piattaforma di lavoro per coniugare la capacità di utilizzo dei progetti europei finanziati dai POR con la capacità di usare in maniera sistematica le risorse europee a gestione diretta perché aiuta a declinare, attraverso partenariati sovranazionali, le esigenze concrete dei territori con una prospettiva sovralocale.