Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In programma martedì 29 e mercoledì 30 ottobre 2019, nel Palazzo Pantaleo di Taranto, il Convegno Internazionale di Studi “Tra Adriatico e Ionio. Beni culturali e sviluppo del territorio”, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma di Cooperazione Grecia-Italia, Polysemi.

Obiettivo del convegno è verificare le potenzialità che i beni immateriali hanno nella crescita delle comunità. Si discuterà delle possibili intersezioni tra imprenditoria e cultura, dei nessi tra legislazione e politiche dello sviluppo, del ruolo dei media tra cultura e promozione del territorio, della letteratura di viaggio quale strumento conoscitivo della realtà. Si confronteranno oltre 30 relatori, italiani e stranieri, scelti tra imprenditori, studiosi, giornalisti e operatori del settore.

L’iniziativa costituisce la seconda tappa di un Convegno itinerante tra Puglia e Grecia nell’ambito delle attività del progetto POLYSEMI (Park of Literary travels in Greece and Magna Graecia), nato da un’idea dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, capofila. Il progetto è realizzato in cooperazione con altri quattro partner: il Comune di Taranto, il Dipartimento di Informatica della Ionian University – Research Committe di Corfù, il Ministero della Cultura e dello Sport e la Regione delle Isole Ionie. Polysemi è co-finanziato dall’Unione Europea, attraverso il Programma di Cooperazione Grecia-Italia 2014-2020. Il Comitato scientifico è composto dai Professori Stefano Bronzini, Giulia Dell’Aquila, Pasquale Guaragnella, Giovanna Scianatico e Franco Vitelli.