Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In programma il 24 settembre al Teatro Traetta di Bitonto (ore 20), lo spettacolo teatrale "Hubu Re", una produzione della Compagnia Transadriatica di Teatro Factory di Lecce con regia di Tonio De Nitto, finanziato nell'ambito del Progetto Cross the Cap, nell'ambito del Programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020.

Lo spettacolo transfrontaliero “Hubu Re” è il risultato finale di un percorso di formazione teatrale e scenografico svolto nei mesi scorsi, che ha coinvolto un gruppo di 12 giovani in condizioni di disabilità e non, residenti nella Regione Puglia e nella Regione della Grecia Occidentale. Lo spettacolo, guidato dal regista Tonio De Nitto e dall’attore Fabio Tinella, attore di Factory Compagnia Transadriatica, è la testimonianza dello straordinario processo di integrazione e affiatamento che il gruppo ha raggiunto durante il periodo di creazione, nel dare il meglio di se stessi, nel riuscire a superare con tenacia e disciplina piccoli ostacoli quotidiani, umani, artistici e culturali.

La sfida più grande è stata quella di far vivere ai partecipanti un processo artistico di creazione professionale dove ognuno con le sue possibilità è diventato un tassello fondamentale di questo affresco corale onirico e grottesco che restituisce la magia di un incontro speciale.

Lo spettacolo ruota attorno al capolavoro di Alfred Jarry Ubu RE che in questa occasione viene ribattezzato Hubu Re a rimandare la presenza e il valore della disabilità (designata nell’immaginario comune con la lettera H). In scena si attraversa un classico del teatro scritto da un ragazzino, Jarry, che tra i banchi del liceo aveva iniziato a immaginare le prime avventure di Ubu, ritraendo in questa maschera distorta, il mondo degli adulti e dei borghesi e, a guardarla bene, il ritratto di uno dei suoi professori di cui si prendeva gioco.

La partecipazione è libera previa prenotazione al Teatro Traetta 080.3742636

Replica in Grecia il 28 settembre ad Amaliada, Municipality of Ilida (Grecia ) Cultural Center (ore 20.30) Prenotazioni Spettacolo In Grecia

Il progetto Cross the Gap

L’obiettivo principale del progetto Cross the gap è favorire l’accessibilità ai siti archeologici ed ai luoghi della cultura, includendo cittadini con disabilità e con bisogni speciali. Questo obiettivo si raggiunge attraverso interventi infrastrutturali e la demolizione di barriere ed ostacoli al libero movimento dei visitatori e attraverso la creazione di tour virtuali, che utilizzano la realtà aumentata come strumento per coinvolgere un maggiore numero di visitatori.

Il Comune di Bitonto è capofila del partenariato di progetto, composto dal Comune di Lecce, dalla Compagnia Transadriatica di Teatro Factory di Lecce, dalla Regione della Grecia Occidentale e dal Comune di Termo. Partner Associato l’Eforato delle Antichità dell’Ilia.

Lo spettacolo è uno degli eventi organizzati per celebrare la Giornata Europea della Cooperazione, un’iniziativa promossa dall’Unione Europea, il 21 Settembre di ogni anno, per riflettere e dare evidenza ai risultati raggiunti dai 72 Programmi di cooperazione territoriale finanziati in tutto il territorio dell’Unione. Con il motto “L’Europa sei tu”, si celebra il lavoro di cooperazione svolto tra la Puglia e la Grecia, che insieme affrontano le comuni sfide dello sviluppo del territorio come il cambiamento climatico, l’inclusione sociale e l’immigrazione.

La Giornata Europea della Cooperazione è coordinata dal Programma Interact con il supporto dell’Unione Europea e co-finanziata dal Fesr, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.