Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è conclusa il 27 giugno a Lecce, la prima parte del laboratorio teatrale del progetto Cross the gap, finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia-ItaliaIl laboratorio di recitazione è rivolto a 12 giovani in condizioni di disabilità e non di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti in Puglia e in Grecia.

Il laboratorio di recitazione attraverso una full immersion teatrale cerca di costruire un’esperienza unica con il gruppo dei partecipanti, superando attraverso esercizi e pratiche teatrali, i propri limiti nell’incontro con l’altro e collaborando alla realizzazione di uno spettacolo finale che veda protagonista l’intero ensemble. Il “Cross border show” è lo spettacolo finale al quale parteciperanno i giovani italiani e greci che avranno frequentato il laboratorio di recitazione, e dove confluiranno creazioni prodotte dai laboratori di musica, di scenografia e di sartoria teatrale. Lo spettacolo finale verrà rappresentato in Italia e in Grecia: a Bitonto nel Teatro comunale Traetta il 24 settembre 2019; in Grecia, il 28 settembre 2019.

Il laboratorio è guidato da Tonio De Nitto regista e Fabio Tinella attore di Factory compagnia transadriatica.

La seconda fase del laboratorio si svolgerà dal 7 al 21 settembre 2019 a Lecce.

Il progetto CROSS THE GAP vede come soggetto capofila il Comune di Bitonto e come partner di progetto il Comune di Lecce, Factory compagnia transadriatica, Comune di Thermo e Regione della Grecia Occidentale. Il progetto ha come obiettivo quello di coinvolgere soggetti in condizioni di disabilità, favorendo una maggiore e migliore accessibilità alla vita culturale.