Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è svolto il 28 febbraio e il 1 Marzo, presso l'Università di Ioannina, il secondo meeting del progetto PALIMPSEST Post ALphabetical Interactive Museum using Participatory, Space-Embedded, Story-Telling, finanziato per circa 900 mila euro nell'ambito del Programma Interreg V-A Grecia–Italia 2014–2020.

Lead partner del progetto è la Facoltà di Belle Arti dell'Università di Ioannina: gli altri partner sono la Provincia di Lecce, l'Università di Bari, la Regione dell'Epiro e il Comune di Ioannina (come partner associato). 



Il progetto PALIMPSEST mira alla valorizzazione del patrimonio culturale della Regione dell'Epiro e della Puglia, attraverso l'uso di tecnologie digitali e immateriali, che restituiscono alle nuove generazioni i racconti, le storie e le tradizioni del passato, rendendole fruibili open-air negli spazi pubblici.

Con questo progetto, lo spazio urbano si trasforma un’esperienza di visita interattiva e multisensoriale, grazie a delle installazioni artistiche di alta qualità all'aria aperta che raccontano ai visitatori e ai cittadini storie, leggende del passato. Questo sarà possibile grazie ad una mappatura completa dei beni culturali e la digitalizzazione delle narrazioni, fruibili dagli utenti finali attraverso un'app interattiva e coinvolgente.