Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In programma il 26 febbraio 2019 alle ore 10,00, a Santa Cesarea Terme, presso la sala delle Conferenze dello stabilimento termale, l’evento “Salute e Turismo Termale – valorizzazione della cultura locale e mediterranea“, con la finalità di presentare e far conoscere alla cittadinanza, agli stakeholders e agli operatori del settore turistico locale, il Progetto di cooperazione tra la Puglia e la Grecia, InMed-Tour - “Innovative Medical Tourism Strategy”, cofinanziato per 897.000,00 € dal Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020.

Parteciperanno alla Conferenza, Pasquale Bleve, Sindaco di Santa Cesarea Terme, Sebastiano Leo, Assessore Regione Puglia per la formazione e lavoro, Georgakopoulou Christina, Responsabile del progetto "In-MedTour”, dell’Organizzazione Nazionale greca per la prestazione dei servizi sanitari, Sabanis Grigorios, Membro del comitato decisionale dell'Organizzazione nazionale greca per la prestazione dei servizi sanitari (EOPYY), Maria Pagoni, Dipartimento per le forme speciali di turismo, Ministero Ellenico del Turismo, Rocco Bleve, Presidente Terme di Santa Cesarea Terme, Rodolfo Rollo, Direttore sanitario Asl lecce, Prof. Paolo Sansò, Università del Salento, Stefania Mandurino, ARET Puglia Promozione, Paolo Aprile, Dirigente istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme, Panas Gerasimos, Esperto di Turismo Medico.

Il progetto InMed-Tour promuove una nuova e crescente forma di turismo chiamata "turismo della salute", che consiste nell’associare ai viaggi per motivi di salute la possibilità di godere delle bellezze del territorio che si visita, con un pacchetto turistico ad hoc che tiene conto delle esigenze del paziente e dell’accompagnatore.

La possibilità per i parenti di chi viene ricoverato di essere ospiti di un bell'albergo, di andare a vedere una mostra e magari di fare pure shopping rappresenta una offerta turistica innovativa e una nuova frontiera di sviluppo per il territorio. Si stima, infatti, che il turismo cosiddetto “medicale”, muove infatti fino a 14 milioni di persone, età tra i 45 e i 64, ogni anno nel mondo.

Il Comune di Santa Cesarea Terme è partner nel progetto che coinvolge sul lato Italia anche la Camera di Commercio di Brindisi, mentre sul lato greco vede la partecipazione dell’Organizzazione Nazionale per la prestazione dei servizi sanitari – EOPYY- (Direzione Regionale di Ioannina) – capofila di Progetto - in collaborazione con due partner greci, il Ministero del Turismo e L’Università di Patrasso Dipartimento di Business Administration.

Le acque delle Terme di Santa Cesarea rappresentano un patrimonio naturale tra i più importanti nell’idrologia medica perché estremamente attive da un punto di vista terapeutico e, conosciute come centro di cura e di soggiorno sin dal secolo scorso, oggi sono entrate di diritto nel novero delle stazioni termali e turistiche del sud più attrezzate e rinomate della Regione Puglia.

Grazie a questo progetto, sarà realizzato un e-Cluster transfrontaliero tra la Puglia e la Grecia, che mette insieme le industrie della salute e della ricerca di entrambi i paesi con le imprese turistiche locali, al fine di condividere know-how e informazioni mediche che consentano lo sviluppo di servizi turistici a favore dei pazienti/turisti.

Sarà inoltre sviluppata una piattaforma e-Tour, che guiderà il paziente e potenziale turista nella scelta di strutture sanitarie e turistiche dove poter ricevere il trattamento di cui necessita, conciliando salute e benessere.