Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Aiutare le imprese culturali e creative a crescere e a camminare da sole: quale modello di incubatore/acceleratore da seguire? Giovedì 28 febbraio a Bari, presso il Cineporto della Fiera del Levante (ore 8.45), Tecnopolis Parco Scientifico e Tecnologico organizza la prima conferenza internazionale di presentazione dei modelli di incubazione per imprese culturali e creative nell’ambito del Progetto Traces, “Transnational Accelerator for a cultural and creative ecosystem”, finanziato dal Programma Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020.

La Conferenza sarà un laboratorio di idee per approfondire, condividere conoscenze, aspettative e peculiarità del sistema delle imprese culturali e creative con l’obiettivo di definire un modello di incubatore/acceleratore delle realtà imprenditoriali pugliesi e della Grecia occidentale.

Sono più di 13mila le imprese creative pugliesi e circa 3500 quelle della Regione Achaia, in Grecia, censite e coinvolte, grazie al progetto. I macro settori nei quali operano sono quelli dell’Industria creativa (architettura, design, comunicazione), Industria culturale (editoria, software e videogiochi, cinema e audiovisivo, musica), Arti performative (danza e spettacolo), Beni culturali.

Da un’indagine condotta su un campione di 80 imprese pugliesi, per lo più di tipo individuale, si è riscontrato che le principali problematiche affrontate da queste imprese, riguardano la sottocapitalizzazione e l’accesso a fonti di finanziamento, così come la difficoltà nel dimostrare al sistema bancario il valore economico che sono in grado di generare a causa della mancanza di competenze legate alla pianificazione e gestione finanziaria.

Da queste esigenze, manifestate dal sistema di imprese culturali del territorio, si muove il Progetto Traces. Il convegno, infatti, sarà un momento di confronto per approfondire, grazie all’intervento di esperti nazionali e internazionali, quali sono le condizioni ideali per supportare la crescita delle imprese culturali e creative con un focus sulle esperienze degli incubatori creativi presenti in Italia e all’estero.

Il progetto Traces - Transnational Accelerator for a Cultural and Creative Ecosystem, finanziato per circa 1 milione di euro dal programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia-Italia, nasce per valorizzare e sostenere il prezioso comparto delle imprese Culturali e Creative, grazie alla sinergia tra Università del Salento capofila (Dipartimento di Scienze dell’Economia) e i partner Tecnopolis Parco Scientifico e Tecnologico, Distretto della Puglia Creativa, Associazione Elennica di management, Camera di Commercio di Achaia, ENCATC – European Network on Cultural Management and Policy e Fondazione per la Finanza Etica.

 Si allega il programma.