Main content

Alert message

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Due giornate intense di dialogo, confronto, scambio di buone pratiche e arricchimento reciproco.
Questa è la sintesi della Giornata Europea della Cooperazione, organizzata a Roma il 24 e 25 ottobre dall’Agenzia della Coesione Territoriale e il Dipartimento per le politiche di coesione, a cui ha preso parte anche la Regione Puglia, Coordinamento Politiche Internazionali con i Programmi di Cooperazione Interreg Grecia-Italia e Italia-Albania-Montenegro.

Attraverso la cooperazione territoriale, i territori guardano lontano, pianificano interventi, elaborano strategie congiunte e sperimentano soluzioni comuni, sotto l’occhio attento dell’Unione Europea che finanzia le iniziative progettuali, le sostiene e fa in modo che si capitalizzino le esperienze migliori, da copiare e replicare con intelligenza nei diversi territori.

Oltre 30 relatori e un centinaio di partecipanti, per discutere del ruolo della Cooperazione territoriale nella politica di Coesione 2021-2027 e valutare le prospettive di raccordo con la programmazione di mainstream. Ospite d'onore, Agnès Monfret, capo della Direzione Generale Comunicazione della Commissione Europea, che ha evidenziato il ruolo da protagonista che l’Italia detiene nella partecipazione a 19 programmi di cooperazione, e la necessità di avvicinare l’Europa ai cittadini comunicando al meglio le politiche dell’Unione nei territori.

Protagonisti i giovani con il racconto delle esperienze vissute grazie a IVI, Interreg Volunteer Youth, un’iniziativa europea che consente ai giovani dai 18 ai 30 anni di fare i volontari nei programmi e progetti di cooperazione, e con l’esperienza tutta italiana di “A scuola di Open Coesione”, rivolto alle scuole superiori italiane, che ha visto negli anni la partecipazione di circa 20 mila studenti e oltre 1500 docenti che si sono cimentati in questa importante sfida civica.  

Premiati anche 4 video realizzati dai beneficiari del Programma Grecia-Italia, nell’ambito della competizione nazionale della video competition “L’Europa sei Tu”.

Secondo posto per la Compagnia Factory di Lecce, partner del Progetto Interreg Cross the Gap con un menzione speciale per i valori di umanità e inclusione sociale rappresentati nel video. Menzione speciale per il video realizzato dal Centro Euromeditteraneo sul cambiamento climatico, capofila del progetto Ofidia2 con l'Istituto "ICS Geremia Re" di Leverano, per il video realizzato da CETMA, partner del progetto Interreg TAGs e per il video realizzato dal quartetto d'archi Time2Quartet dell'associazione musicale Soundiff.

Ecco il link del video secondo classificato "Europa è inclusione" della Compagnia Teatrale Factory Transadriatica.