Main content

Alert message

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

È online la Relazione sintetica sullo stato di partecipazione dell’Italia al 1° bando per Progetti Standard del Programma ENI CBC MED 2014-2020. Il documento è stato elaborato nell’ambito delle attività di analisi dei dati e monitoraggio finanziate dal Programma Complementare di Azione e Coesione sulla Governance nazionale dei programmi dell’obiettivo Cooperazione Territoriale 2014-2020 (PAC-CTE), a supporto del Comitato Nazionale del Programma di Vicinato.

L’analisi considera le proposte progettuali con partner italiani, presentate in risposta alla 1° call, scaduta il 24 gennaio 2018, il cui iter di valutazione e selezione è terminato a gennaio 2019.

I progetti finanziati sono in corso di avvio e, pertanto, questa prima relazione è basata sui dati allo stato disponibili. Successivamente, il documento verrà integrato sia per una valutazione della coerenza delle attività progettuali rispetto alle strategie nazionali e regionali, sia per eventuali e auspicabili azioni di coordinamento con i programmi di mainstreaming e con le strategie sul Mediterraneo attualmente in corso (per esempio, l’Iniziativa WestMed).

Secondo la Relazione, l’Italia beneficia notevolmente dei finanziamenti ENI CBC MED 2014-2020: 439 sono le proposte progettuali presentate, in risposta alla call Standard, di cui ben 345 con almeno un partner italiano; 41 sono i progetti finanziati al termine del processo di valutazione, di cui 36 con almeno un partner italiano (pari a circa il 10% di quelli complessivamente presentati).


Consulta qui di seguito, nel dettaglio, l’analisi a cura della Regione Lazio, vice-presidente del Comitato Nazionale, i cui referenti hanno rielaborato tutti i dati messi a disposizione dall’Autorità di Gestione del Programma.