Main content

Alert message

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una presenza e un messaggio rilevante per la Cooperazione Italiana, ogni giorno al lavoro con le comunità e le Istituzioni locali per un’Albania più europea: la visita a Tirana del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ribadisce con convinzione che il percorso di avvicinamento all’UE e l’apertura dei negoziati sono lo strumento migliore per il progresso del Paese delle aquile e per l’interesse di tutta l’Europa, sotto gli aspetti politici, economici, di sicurezza.

Solo con l’ingresso dei Balcani occidentali nell’UE l’integrazione europea potrà dirsi compiuta. Questo è emerso, con fermezza, dai colloqui del premier italiano con il Primo Ministro albanese Edi Rama, in conferenza stampa e dall’incontro con il personale dell’Ambasciata e di tutto il Sistema Italia. Non è mancata, tra gli altri, ai vari momenti istituzionali della visita, la presenza della Regione Puglia, dal 2003 in Albania con la Delegazione di Tirana, che fa capo alla struttura di Coordinamento delle Politiche Internazionali del Governo del presidente Emiliano.

In generale, nel suo discorso, il Presidente Conte ha ribadito l’importanza delle relazioni italo-albanesi e dell’impegno della rete diplomatica italiana in Albania. L'Italia, dunque, sostiene l'apertura dei negoziati di adesione all'Unione europea dell'Albania che, ha sottolineato Conte, “è in una fase cruciale di questo cammino: le vengono richieste riforme costose, gravose, impegnative e coraggiose che necessitano del più ampio sostegno”.

Nel corso della visita del premier italiano a Tirana, auspicando in primis una soluzione della crisi politica interna al Paese delle aquile, è stata concordata una maggiore cooperazione nel settore giudiziario e sono state avanzate richieste di garanzie necessarie nella lotta contro la tratta illegale, a proposito di investimenti italiani in settori strategici. È emersa, infine, la comune volontà di rafforzare le già eccellenti relazioni economiche bilaterali che vedono l'Italia in una posizione privilegiata nel rapporto con l'Albania. “Siamo soddisfatti della posizione che il nostro paese occupa da anni. Siamo il primo partner commerciale con un interscambio di 2,5 miliardi di euro nel 2018 e siamo all'incirca intorno a 1,9 miliardi nel primo semestre", ha spiegato Conte. Secondo il premier italiano "sono numeri importanti, avvalorati anche dell'ampio numero delle imprese sul territorio. Però l'ambizione è quella di fare sempre meglio e di più; le nostre imprese sono desiderose di rafforzare la loro presenza in Albania e a questo scopo auspicano un miglioramento del clima imprenditoriale".

Insieme all’Albania, si ritiene che anche la Macedonia del Nord abbia maturato il diritto di avviare i negoziati. “Ci sono evidenti difficoltà per coinvolgere tutti i paesi ma non ci rassegneremo e lavorerò personalmente con i leader europei", ha promesso Conte.

Guarda qui il saluto del Premier Conte a Tirana!

Approfondimenti e contatti: Regione Puglia in Albania – Delegazione di Tirana.