Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La nascita della Cooperazione con i paesi in via di sviluppo risale al 1957, anno di fondazione della Comunità economica europea (CEE). A partire da una serie di accordi tra la CEE e le ex-colonie di alcuni Stati membri, le relazioni con i paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico, Asia e America Latina, paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente e paesi limitrofi orientali si sono progressivamente sviluppate con l'ausilio del Fondo europeo di sviluppo e una serie di accordi, convenzioni e partnership.

La politica di sviluppo ha subito importanti riforme nel corso degli anni. Nel 2001, particolarmente significativa è stata l’istituzione di EuropeAid - Ufficio di cooperazione esterna che oggi opera come "Direzione generale per la cooperazione internazionale e lo sviluppo" (Directorate-General for International Cooperation and Development - DG DEVCO)".

Tre sono gli obiettivi principali della DG DEVCO: ridurre la povertà nel mondo, assicurare lo sviluppo sostenibile, promuovere la democrazia, la pace e la sicurezza.

Documenti:
- Sito web European Commission - International Cooperation and Development
- Organisational structure of DG DEVCO
- Directorate-General for International Cooperation and Development - Mission statement

A seguito dell’indizione da parte dell’Unione europea di un bando lanciato nell’ambito del Programma EuropeAid, riservato alle amministrazioni pubbliche (EuropeAid/ 131143/C/ACT/Multi), nell’aprile 2012 la Regione Puglia ha candidato una proposta di progetto di cooperazione internazionale, aderendo e partecipando successivamente al Progetto “Golfo de Fonseca: un modelo de gestion mancomunada trinacional sostenible del territorio y sus recursos ambientales”, ammesso a finanziamento dalla Commissione Europea nel 2014, sul bando “Local Authorities in Development” – Programma EuropeAid. Il progetto, di durata triennale, si sviluppa su azioni volte a promuovere lo sviluppo locale ecosostenibile nell’area costiera del Golfo di Fonseca, attraverso forme di gestione associata da parte delle municipalità salvadoregne, honduregne e nicaraguensi.