Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si è svolto a Tunisi, nei giorni scorsi, il kick off meeting del progetto MEDUSA – Development and promotion of Mediterranean Sustainable Adventure Tourism, finanziato nell’ambito del Programma europeo di Vicinato ENI CBC MED. La proposta progettuale è stata curata dalla Camera di Commercio di Barcellona che ha il ruolo di capofila, insieme a importanti partner di area mediterranea: ASCAME – Associazione delle Camere di Commercio del Mediterraneo, JITOA – tour operator della Giordania e la Royal Society for the Conservation of Nature, la Fondazione Rene Moawad del Libano e il WWF Mediterranean North Africa.

Tra i partner anche la Regione Puglia – Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Territorio.

Il progetto è orientato a supportare la crescita del settore turistico attraverso lo sviluppo di know-how per gli operatori in un’ottica transfrontaliera, con un’attenzione specifica al segmento del Turismo di Avventura – Adventure Tourism. Il Dipartimento pugliese, in particolare, coordina la prima attività, uno studio analitico del settore, anche mediante azioni di benchmarking, finalizzato a capire le potenzialità del settore nelle aree di progetto.

Dopo questa prima analisi si lavorerà al diretto coinvolgimento degli stakeholder locali, in particolare PMI del settore turistico, anche mediante la messa a disposizione di grants e la partecipazione a percorsi di training e fiere specialistiche di settore. Il lavoro congiunto ha l’obiettivo di rispondere alle sfide del settore turistico di area mediterranea, proponendo una nuova offerta di prodotti e servizi turistici transfrontalieri sostenibili basati sulle componenti di promozione di attività all’aperto e sportive, valorizzazione del patrimonio naturale e turismo esperienziale.

La Regione Puglia ha a disposizione un finanziamento di circa 600 mila euro su un totale che supera i 3 milioni di euro complessivi e tre anni di tempo per realizzare le attività e raggiungere i risultati prefissati.

Durante il kick off meeting a Tunisi, il WWF ha ospitato i partner per un primo confronto. Nel corso della prima giornata, con il coordinamento della Camera di Commercio di Barcellona, ognuno ha presentato la propria istituzione e si sono analizzate nel dettaglio le attività previste definendo ruoli e tempistiche. È stata l’occasione per la Regione Puglia, dunque, di descrivere sia il quadro sintetico dei trend turistici in Puglia che l’esperienza del Dipartimento nella cooperazione territoriale europea; è stata condivisa con i partner, inoltre, la metodologia di studio per il primo work package tecnico e, nella stessa giornata, si è anche costituito lo Steering Committee di progetto.

Infine, il WWF ha organizzato una conferenza stampa di lancio delle attività, utile a tutti gli stakeholder tunisini intervenuti, operanti nel settore turistico, di comprendere meglio le finalità del progetto e le opportunità di partecipazione.

Approfondimenti sul progetto QUI!