Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

È in corso in questi giorni al CIHEAM Bari (1/12 luglio) il Corso di formazione sulla filiera olivicola per 25 rappresentanti pakistani delle province di Balochistan, Khyber Pakhtunkhwa, Federally Administered Tribal Areas e aree limitrofe.

L’iniziativa si inserisce all’interno del progetto “Poverty Reduction through Rural Development in Balochistan, Khyber Pakhtunkhwa, Federally Administered Tribal Areas and Neighboring Areas”, commissionato da Pakistan Poverty Alleviation Fund (PPAF), finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e dalla Direzione Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri Italiano e realizzato dalla LUISS Business School, in collaborazione col CIHEAM Bari.

Il progetto, avviato lo scorso gennaio a Islamabad, prevede 7 corsi formativi intensivi su diverse tematiche connesse allo sviluppo rurale ed è rivolto a 95 rappresentanti pakistani del PPAF e di organizzazioni partner, nonché di governi e comunità locali delle aree più vulnerabili del Pakistan.

L’obiettivo generale del Progetto è quello di aiutare il Pakistan a ridurre la povertà e migliorare la qualità della vita fornendo, ai leader e ai membri delle comunità locali, conoscenze, strumenti e opportunità di networking, creando opportunità di sostentamento per le comunità e i gruppi emarginati (in particolare i giovani e le donne), migliorando i settori di sanità, istruzione, turismo e governance locale.

Le visite di studio in Italia, in particolare, rappresentano per i corsisti pakistani, esempi di modelli innovativi da adattare alle esigenze del loro Paese. Il corso di formazione sulla filiera olivicola consentirà ai partecipanti di essere in grado di descrivere le diverse varietà e qualità di olio d'oliva, individuare i criteri di scelta del terreno, conoscere le tecniche di coltivazione e di produzione, sviluppare associazioni per coordinare la catena del valore, sviluppare un piano di commercializzazione dell’olio d'oliva.