Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

HOME

“Italia, Culture, Mediterraneo” è il Programma culturale che il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), attraverso la sua rete all’estero, realizzerà nel 2018 nei Paesi dell’area del Medio Oriente e del Nord Africa, abbracciando l’arco che va dal Marocco all’Iran.

Si tratta di un programma di promozione integrata, parte del piano straordinario #vivereALL’italiana, con il quale la Farnesina intende consolidare il dialogo tra le due sponde del Mediterraneo. Capisaldi dell’iniziativa, infatti, sono l’identità mediterranea, il dialogo interculturale ed interreligioso, scambi e contaminazioni reciproci, tradizione ed innovazione, cultura quale veicolo di pace e volano per l'economia.

“Italia, Culture, Mediterraneo” è un viaggio nel Mediterraneo che attraversa tutti i settori della cultura, dall’arte, alla musica, alla lingua, all’archeologia fino alle industrie culturali e creative.  Particolare attenzione è dedicata alla collaborazione scientifico-tecnologica, con un focus sulle nuove frontiere tecnologiche, crescita blu e rinnovabili, tecnologie applicate alla conservazione dei beni culturali.

La Commissione europea ha adottato il nuovo programma di lavoro 2018-2020 del programma per l’ambiente e l’azione per il clima "LIFE", che aggiorna le priorità strategiche dello strumento e semplifica l'accesso ai fondi europei sulla base dei suggerimenti emersi dalla valutazione intermedia.

L'Italia ha completato il processo di designazione delle autorità di gestione dei 30 programmi Fesr per il periodo 2014-2020. Con l'assegnazione dell'ultima "guida" ancora vacante, quella del programma 'Ricerca e innovazione', e la relativa notifica alla Commissione Ue, possono quindi considerarsi ufficialmente avviati tutti i programmi operativi nazionali e regionali cofinanziati dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale.

Con Atto Dirigenziale n. 7 del 16/02/2018 è stata approvata la modulistica nell’ambito dell’avviso pubblico relativo alla Legge regionale 20/2003 “Partenariato per la cooperazione” - DGR n. 1763/2017 “Programma annuale 2017”.

Il Consiglio d'Europa è alla ricerca di diverse figure professionali da impiegare presso le proprie sedi a Strasburgo, Parigi, Yerevan e Podgorica. Le scadenze per presentare le candidature si susseguono fino a settembre 2016.