Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

In una cerimonia tenutasi presso la Residenza d’Italia a Tirana, l’Ambasciatore italiano Alberto Cutillo ha consegnato alla professoressa Diana Kastrati, capo del Dipartimento di Italianistica presso la facoltà di lingue straniere dell’Università di Tirana, l'onorificenza “ordine della stella d’Italia” nel grado di Cavaliere, attribuita con decreto del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Si tratta di un prestigioso riconoscimento per cittadini italiani e stranieri che hanno acquisito particolari benemerenze nella promozione dei rapporti di amicizia e collaborazione tra l’Italia e un Paese straniero.

Per l’Italia la soft diplomacy e, più nel dettaglio, la diplomazia culturale è particolarmente importante – ha spiegato l’Ambasciatore Alberto Cutillo nel suo intervento – L’Italiano, secondo recenti dati sullo studio delle lingue straniere, ha raggiunto il quarto posto tra le lingue più studiate al mondo. Il Ministero degli Esteri italiano è pertanto molto attento a che la rete diplomatico-consolare investa per mantenere e se possibile migliorare questo dato. Per me, come Ambasciatore d’Italia in Albania, questo discorso è ancora più rilevante e impegnativo, considerata la straordinaria diffusione della nostra lingua in questo Paese amico.

Se in passato questa conoscenza era in larga parte frutto di auto-apprendimento con il sostegno dei programmi radio televisivi italiani, oggi essa passa attraverso i canali più tradizionali dell’insegnamento scolastico, universitario e degli istituti specializzati. Oggi vi sono circa 80mila studenti nel sistema pre-universitario di lingua italiana, grazie anche a due accordi con il Governo albanese per garantire lo studio dell’italiano come prima lingua e per il funzionamento di sezioni bilingue in alcune selezionate scuole medie e licei di Korça, Scutari e Tirana. Questo sistema è sostenuto dal Ministero degli Esteri italiano, in particolare attraverso 9 professori italiani che insegnano nelle Scuole albanesi e da importanti e frequenti corsi di aggiornamento per gli insegnanti albanesi di italiano. Altrettanto importante è l’impegno a livello universitario, in quanto il Ministero degli Esteri in Albania accoglie ben tre lettori italiani, a Valona, Scutari e Tirana, un investimento che testimonia l’attenzione che l’Italia ha per la lingua italiana in Albania.

Grazie anche a questi sforzi, e in virtù degli straordinari legami economici, culturali, sociali che legano i nostri due Paesi, l’interesse per l’italiano rimane vivo ed il numero degli studenti è in crescita, come emerge anche dalle statistiche dell’Instat che rassicurano sulla scelta di bilinguismo che gli albanesi stanno compiendo, elemento che considero strategico per essere cittadini europei”.

L’onorificenza “ordine della stella d’Italia”, in particolare,, celebra non solo la persona ma anche lo storico Dipartimento di Italianistica presso la Facoltà di lingue straniere dell’Università di Tirana che la professoressa Kastrati rappresenta. Un centro d’eccellenza garante dello studio e della diffusione della lingua italiana così come della letteratura e - più in generale - della cultura e della civiltà italiane, il principale ed insostituibile partner per promuovere l’italiano in Albania.

Motivazioni dell’onorificenza: “La professoressa Kastrati si è distinta per l’encomiabile impegno profuso tramite sua intensa attività di traduttrice dall’italiano all’albanese delle opere di importanti autori italiani, sia classici che contemporanei (da Niccolò Machiavelli e Francesco Guicciardini a Umberto Eco e Alberto Moravia, fino ai più recenti Andrea Camilleri e Antonio Pennacchi), contribuendo quindi alla più ampia conoscenza della letteratura italiana da parte del pubblico albanese. Inoltre con la sua ventennale esperienza accademica, la professoressa Kastrati ha contribuito grandemente alla diffusione della lingua e della cultura italiane in Albania e alla formazione di un solido nucleo di traduttori specializzati nella nostra lingua”.