Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L’ultima Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha assunto una posizione sul futuro della cooperazione territoriale Europea post 2020. C'è, da parte del sistema delle Regioni, la forte preoccupazione che le proposte della Commissione per i nuovi Regolamenti possano incidere fortemente anche sui bilanci regionali, colpendo in particolare i Paesi dell'area mediterranea, Italia e Grecia prima di tutto.  

Nel documento - inviato dal Presidente Stefano Bonaccini al ministro per il Sud Barbara Lezzi e al ministro per gli affari regionali Erika Stefani - le Regioni forniscono un panoramica delle principali criticità rilevate nelle ipotesi della Commissione  e formulano specifiche proposte al Governo che dovrà sostenere il confronto su questo tema a Bruxelles.

Consulta qui di seguito il documento: Posizione sul futuro della Cooperazione territoriale europea 2021-2027