Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Nell'ambito del VI ciclo di formazione in materia europea - programma 2018 si terrà a Roma, venerdì 9 marzo 2018 (ore 10.30/13.30) presso la sede del Centro Interregionale Studi e Documentazione - Cinsedo (in via Parigi, 11), un seminario dedicato alla "Politica di coesione dopo il 2020".

L'evento formativo è destinato esclusivamente ai dirigenti e ai funzionari delle Regioni e delle Province Autonome che possono iscriversi online compilando l'apposito modulo QUI.

Nella presentazione del corso si sottolinea che "è ormai è alle battute conclusive il dibattito europeo sul futuro Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) dell’Unione europea 2021-2027. La Commissione europea presenterà la sua proposta a maggio prossimo. Nel frattempo, il contributo della Commissione alla riunione informale dei Capi di Stato e di Governo del 23 febbraio scorso, ha delineato tre possibili scenari per il futuro della politica regionale e di coesione, conseguenti alle scelte più o meno conservative che gli Stati membri faranno per il QFP. È chiaro, a questo punto, che il futuro della politica regionale e di coesione passerà attraverso un ripensamento della dimensione finanziaria e territoriale.

La Conferenza delle Regioni italiane il 22 febbraio scorso, in un proprio documento, ha ritenuto prioritario che sia mantenuto a livello europeo un finanziamento ambizioso per una politica regionale, comprensiva degli interventi per il capitale umano e l’inclusione sociale, orizzontale, unitaria e capace di declinare in maniera integrata le politiche settoriali. Il metodo della programmazione e il forte coinvolgimento degli enti territoriali sono i capisaldi di questa politica e del processo di crescita delle Regioni italiane ed europee.

Il seminario di quest’anno intende proseguire il percorso di approfondimento della riforma della politica di coesione post 2020, che partendo dall’aggiornamento degli obiettivi di una politica europea di riequilibrio territoriale, possa costituire una risposta al diffuso euroscetticismo e avvicinare l’Unione europea ai cittadini. Una politica di coesione che approfondisca il processo di integrazione europea, evidenziandone il valore aggiunto, e consenta di superare la fase di crisi politica, economica e sociale che attualmente pervade il continente. In questo senso, il seminario rappresenta un naturale contributo alla costruzione della posizione delle Regioni italiane sul futuro della politica di coesione europea".

PROGRAMMA del seminario:
10.30 - 10.45 - Introduzione  
Andrea Ciaffi - Dirigente rapporti con l’Unione europea della Conferenza delle Regioni e dell’attività di ricerca del Cinsedo, coordinatore del programma di formazione
Cecilia Odone - Esperta diritto UE, direttore del programma di formazione

10.45 – 11.00 - Le Regioni italiane e il futuro della politica di coesione  
Lucio Caporizzi – Direttore Programmazione, affari internazionali ed europei, Regione Umbria  

11.00 – 11.30 – La politica di coesione dopo il 2020
Nicola De Michelis - Capo Gabinetto di Corina Creţu, Commissaria Politica regionale, Commissione europea

11.30 – 13.30 - Domande e risposte