Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

A febbraio scorso ha preso il via un progetto che prevede la partecipazione alla campagna di informazione e di promozione della dieta mediterranea sostenibile pugliese. Dopo un primo periodo di formazione, i beneficiari si occuperanno della mappatura degli esercizi pubblici che somministrano menù o alimenti conformi e tipici della dieta mediterranea pugliese. L’iniziativa è realizzata nell’ambito di Apulian Lifestyle – per una lunga vita felice.

Il progetto è promosso da Regione Puglia – Health Marketplace e Direzione Amministrativa del Gabinetto, in collaborazione con il Centre International deHautes Etudes Agronomiques Méditerranéennes di Bari (CIHEAM), AReSS – Agenzia Regionale per la Salute e il Sociale, ARTI – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione e Dipartimento Interdisciplinare di Medicina – Sezione di Scienze e Tecnologie di Medicina di Laboratorio dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari.

Venerdì 23 marzo si è dato avvio alla prima “Azione Local” presso l’auditorium dell’IISS “G. Salvemini” di Fasano, per la “Sperimentazione dell’Alimentazione come terapia in Valle d’Itria”, un momento di confronto tra istituzioni, realtà locali, cittadini scuola, per condividere e confrontarsi su un modello orientato a produrre, promuovere e proteggere la salute.

Sono intervenuti, tra gli altri: Mario Conca (Componente Commissione Sanità Welfare Regione Puglia), Filomena Passatore (Ordine Assistenti Sociali della Regione Puglia), Anna Cammalleri (Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia), Maria Lisa Clodoveo e Antonio Mazzocca (Dipartimento Interdisciplinare di Medicina Uniba), Gianluigi Cesari (Formazione Territoriale dei promotori Apulian Lifestyle), Bernardo Notarangelo (Direttore del Coordinamento delle Politiche Internazionali), Massimo Vinale (Asp Terra di Brindisi), Vito Albino (Agenzia regionale per la tecnologia e innovazione), Giannicola D’Amico (Gal Valle d’Itria), Gaetano Romanelli (FederAnziani), Davide Bruno (Associazione SmartCitizen) e Giovanni Gorgoni (Agenzia Regionale Salute ed il Sociale).

The Apulian Lifestyle intende avviare un processo di sviluppo per la valorizzazione dello stile di vita pugliese, per il suo impatto positivo sugli aspetti salutistici, ambientali e socio-economici del territorio regionale. L’obiettivo è sviluppare sinergie e piattaforme cooperative per la promozione e la diffusione di uno stile di vita basato sulla sostenibilità della dieta mediterranea pugliese. Il progetto si sviluppa in 45 Ambiti Territoriali che raggruppano i 258 Comuni pugliesi con il supporto dei Promotori dell’Apulian Lifestyle, identificati tra i cittadini pugliesi che usufruiscono del Reddito di dignità regionale — ReD e destinatari di un’attività di formazione specifica.

Approfondimenti: Emiliano a Fasano per la prima tappa del progetto Apulian LifeStyle: "Creare salute attraverso il cibo ben coltivato e ben prodotto"